Il Nursind, il sindacato delle professioni infermieristiche, ha scritto una lettera al ministro Grillo in merito alle gravissime criticità dei pronto soccorso di Torino e città Metropolitana.

«Negli ultimi giorni giungono numerose segnalazioni da tutti i pronto soccorso di Torino e Città Metropolitana - segnala il sindacato - Molinette 100 pazienti in carico, Maria Vittoria più di 100 pazienti, Giovanni Bosco in blackout, al San Luigi di Orbassano finite le barelle e i posti letto nei reparti. Caos anche a Pinerolo, Rivoli, Susa, Ciriè, Chieri, Moncalieri, Ivrea e Chivasso. Pronto soccorso completamente saturi, barelle finite, punti di ossigeno finiti, postazioni create per dare spazio ad una barella e che invece ne ospitano tre, ambulanze bloccate, fax inviati al 118 per evitare il trasporto di altri pazienti».

Secondo il sindacato l'assessore Saitta «ha gravissime responsabilità in merito» dal momento che «l'assessore Antonio Saitta, non solo ha declinato l'invito in Prefettura, ma riteniamo abbia omesso di mettere in atto tutti gli interventi necessari ed utili al fine di prevenire l'ennesimo caos nei Pronto Soccorso». Per questo il Nursind ha chiesto al Ministro di intervenire visto anche l'elevato il rischio di errore visto lo stress nel quale è costretto a lavorare il personale. «A causa dell'irresponsabile comportamento di chi dovrebbe tutelare la salute quale diritto costituzionalmente garantito, a pagarne le conseguenze sono cittadini e operatori sanitari. Pertanto, in caso di eventi avversi alla cittadinanza, la scrivente Organizzazione Sindacale si riserva di rivolgersi alle autorità competenti».

Galleria fotografica

Articoli correlati