Solo autobus elettrici ad Ivrea e nei Comuni della conurbazione: Albiano, Banchette, Bollengo, Borgofranco, Burolo, Cascinette, Chiaverano, Colleretto Giacosa, Fiorano Canavese, Ivrea, Lessolo, Loranzè, Montalto Dora, Pavone Canavese, Quassolo, Salerano Canavese e Samone. E' la proposta che Cgil, Cisl e Uil hanno presentato ai sindaci dei Comuni interessati. L'obiettivo è arrivare il prima possibile alla sostituzione degli attuali bus che garantisono le sei linee della zona. Bus vecchi e inquinanti per i quali si spendono, ogni anno, 30 mila euro (a testa) per le manutenzioni. Giornalmente vengono effettuate 340 corse suddivise tra le linee con inizio servizio alle 05.10 e termine alle 20.40. Il servizio, gestito da Gtt, scadrà nel 2019 ma è possibile che la Regione Piemonte opti per una proroga di due anni.

Per questo i sindacati hanno chiesto ai Comuni di farsi parte attiva del progetto. «Il servizio di trasporto pubblico insito nella conurbazione si presterebbe per le sue dimensioni e caratteristiche a diventare la prima zona piemontese con un trasporto urbano/suburbano completamente elettrico - spiegano i sindacati - attraverso l'accesso ai bandi nazionali, regionali ed europei sarebbe possibile attivare  un progetto che preveda la totale sostituzione degli autobus esistenti, con l'introduzione di veicoli totalmente elettrici di ultima generazione, che grazie alla realizzazione di annesse strutture fotovoltaiche permettano l'abbattimento dei consumi e delle emissioni di anidride carbonica e polveri sottili».

Nel medesimo progetto sarebbe necessaria una rivisitazione degli orari ritornando ad un cadenzamento con orario fisso e un'estensione del servizio dal lunedì al venerdì anche in fascia serale in coincidenza con l'arrivo dei treni della linea Torino-Aosta e Ivrea-Novara. «Riassumendo a grandi linee - aggiungono da Cgil, Cisl e Uil - il progetto prevede la realizzazione delle infrastrutture necessarie alla gestione di un parco autobus rinnovato, che proietti il sito Unesco di Ivrea verso verso il futuro con l'obbiettivo primario di una mobilità sostenibile che tenda a coniugare l'obbiettivo dell'efficientamento del servizio, con una politica di emissioni zero».

Oggi il parco autobus circolante sul servizio urbano di Ivrea è tra i più vecchi in Piemonte con una media di 18,5 anni di attività. Passare all'elettrico potrebbe essere una grande occasione per rinnovare un servizio unico nel suo genere.

Galleria fotografica

Articoli correlati