Non è una volonta del Comune ma di una scelta dei commercianti della città se Rivarolo non avrà le luminarie natalizie. E' il sunto di quanto afferma palazzo Lomellini dopo che, sul web, si è infiammata la polemica sull'addio alle luci di Natale. Quest'anno, per la prima volta, Rivarolo Canavse non avrà le luminaria natalizie: scelta, a dirla tutta, che è già stata presa anche in altri centri del Canavese prima di Rivarolo. Purtroppo il periodo non è facile per i negozi e qualche spesa è stata necessariamente ridotta.  

E' il sindaco Rostagno che precisa: «Le luci di Natale a Rivarolo le hanno sempre pagate i commercianti. Il Comune dà un contributo di 7000 euro, la parte preponderante di spesa (circa 10/15 euro) l'hanno sempre messa i commercianti. Quest'anno i commercianti hanno deciso di non spendere più per l'illuminazione natalizia, non facendo più nulla. L'amministrazione non potendo da sola coprire la spesa di oltre 20.000 euro per le classiche luminarie, ha deciso di spendere sempre 7000 euro, ma usandole in un'altra modalità». E aggiunge: «Ogni scelta è condivisibile o meno ma, in questo caso, non è una scelta dell'amministrazione».

Il Comune ha invitato delle ditte specializzate per illuminare alcuni angoli della città con dei proiettori giganti, garantendo un investimento come gli altri anni. «Lunedi 7 abbiamo incontrato le associazioni di categoria e i commercianti responsabili delle vie - dice l'assessore al commercio Claudio Leone - i preventivi per le luminarie erano molto alti e quindi i commercianti hanno confermato la loro non disponibilità all'investimento. Il momento è delicato per tutti ed è comprensibile. I negozianti però faranno ulteriori iniziative oltre a quelle del Comune: insomma la città non resterà al buio per Natale».

Galleria fotografica

Articoli correlati