Inverno*
 
Neve ghiacciata che, rigando l’aria,
rigida t’abbatti su pergolati e tetti.
Tosto la distesa di un bianco sudario,
darà a natura pace al quieto desiderio.
 
Avvolta nel bianco e lieve virginale velo,
piange Demetra la sua diletta figliola,
scesa ad abbracciare il funereo genitore.
Presto però il tempo, farà rinascere amore.
 
Quei penetranti spilli ghiacciati e pungenti,
son ora timidi fiocchi che svolazzano nell’aria,
paurosi s’appoggiano sulla terra che li ingoia.
Ritorna primavera, vita, amore, fertilità, gioia.
 
(Lido Gedda)

Galleria fotografica

Articoli correlati